Hamburger: ecco perché piace

Hamburger: ecco perché piace

I sondaggi parlano chiaro: anche in Italia, la patria della pizza e di una grandissima quantità di street food tradizionale, l’hamburger si piazza prepotentemente in cime alle classifiche di gradimento dei nostri connazionali, non necessariamente solo tra i più giovani.

La passione per l’hamburger, nata in Italia verso la metà degli anni ’80, continua ancora oggi a influenzare il mercato e, di conseguenza, è più che lecito domandarsi quali siano in realtà i motivi che hanno decretato (e continuano ancora oggi a farlo) il successo di questo gustoso panino anche qui da noi.

Nell’articolo di oggi, vedremo quali sono le ragioni che spingono sempre più italiani a scegliere l’hamburger come pasto o snack, quali sono le caratteristiche di questo panino che ci hanno fatto innamorare del suo gusto e perché, infine, siamo sempre più affezionati al cibo proposto dalle grandi catene internazionali.

Un pasto pratico e veloce

Sicuramente in testa alla classifica delle ragioni di questo amore tutto italiano nei confronti degli hamburger c’è un motivo di praticità e rapidità.

Se pensiamo ai nostri ritmi lavorativi o di studio, possiamo facilmente immaginare come molti di noi abbiano una pausa pranzo spesso molto rapida, in cui cercare di consumare un pasto completo ma al tempo stesso leggero e di breve durata.

Proprio per questo motivo, l’hamburger si presenta come una soluzione pressoché perfetta: molti italiani, magari durante il break di mezzogiorno, scelgono di pranzare in maniera rapida e tutto sommato più leggera di un vero e proprio pasto consumato in ristorante o trattoria.

Con un hamburger, allora, potremo sempre sapere di addentare un panino non solo gustoso, ma che sarà pronto in pochi minuti e sempre fresco, senza sentirci eccessivamente appesantiti una volta terminato il nostro pasto.

Un pranzo economico

In secondo luogo, sicuramente anche il fattore economico gioca un ruolo di primaria importanza per il successo dell’hamburger anche qui in Italia.

Servendosi dalle principali catene internazionali di ristorazione, infatti, sapremo di poter consumare un pasto ampiamente sotto i 10 €, cosa che sicuramente fa comodo a molti studenti o a chiunque voglia prestare un po’ più di attenzione al risparmio.

Del resto, questo potrebbe essere anche un indizio per capire come mai le soluzioni di hamburger gourmet che si sono sempre più diffuse negli ultimi anni non abbiano avuto il successo che ci si aspettava: nei pub o locali specializzati, infatti, mangeremo senza dubbio un hamburger più buono e ricercato, ma sicuramente sia meno rapido che economico, cosa che non ha permesso a questa formula di decollare anche qui da noi.

Un cibo sicuro

Del resto, bisogna infine anche sfatare quel mito che vede il cibo delle catene di fast food come poco sano o igienicamente non ottimale.

Infatti, tutti gli ingredienti serviti in una grande catena di hamburger devono essere necessariamente sottoposti a una grande serie di controlli atti a verificarne la qualità: questo significa che mangeremo sempre un panino sicuro dal punto di vista sanitario e fresco, cosa che riduce effettivamente al minimo il rischio di avere complicazioni digestive di qualsiasi tipo.

Ovviamente, va ricordato che non è assolutamente consigliato fare dell’hamburger, per quanto sia gustoso, la colonna portante della nostra alimentazione. Ricordandoci infatti i criteri e le importantissime lezioni offerteci dalla dieta mediterranea, è sempre opportuno ricordare ai nostri lettori che la chiave di una alimentazione sana risiede sempre nella varietà degli alimenti che si consumano.

Detto questo…gustarsi un panino ogni tanto è un vero toccasana per il corpo e per l’anima!

Alberto