Personaggi famosi che non sapevi fossero abruzzesi

Personaggi famosi che non sapevi fossero abruzzesi

L’Abruzzo è una delle regioni più belle d’Italia, situata fra l’Adriatico e gli Appennini, è nota per i suoi meravigliosi parchi nazionali e le riserve naturali. Le colline abruzzesi sono caratterizzate dagli incantevoli paesini medievali e rinascimentali. L’Aquila, città d’arte e storia, è un punto di riferimento per il turismo mondiale.
L’Abruzzo non è soltanto noto per la sua bellezza ma anche per i suoi personaggi abruzzesi famosi nel mondo, autentiche eccellenze che hanno dato notorietà e prestigio alla regione italiana.

L’Abruzzo è la regione che ha visto nascere numerose personalità di spicco, quali scrittori e autori di celebri romanzi, pittori, scultori, filosofi e politici.

Personaggi famosi della letteratura in Abruzzo

Gabriele D’Annunzio

Gabriele D’Annunzio (Pescara 1863 – Gardone 1938) è da considerarsi in assoluto uno dei personaggi abruzzesi più famosi.
Straordinario poeta e romanziere, autore anche di novelle e testi teatrali.
D’Annunzio è stato una personalità di grande rilievo a livello nazionale ed europeo.
È stato un autore molto prolifico e fra le sue maggiori opere vanno menzionate la prosa ‘Le novelle della Pescara’.
la poesia ‘Alcyone’; il romanzo ‘Il fuoco’ e ‘L’innocente’. Ricordiamo inoltre le tragedie ‘La città morta’ e ‘La figlia di Iorio’.
Gabriele D’Annunzio è stato un personaggio di grande carisma e personalità, balzato alle cronache non solo per la qualità delle sue opere, ma anche per le sue battaglie politiche, nonché i suoi amori burrascosi, l’impresa del volo su Vienna e l’occupazione di Fiume.

Ignazio Silone

Nativo di Pescina (AQ), si spense a Ginevra nel 1972. È stato uno scrittore celebre, la cui prosa era incentrata per lo più su concetti populistici, per poi orientarsi verso la glorificazione della libertà. Il suo impegno politico lo portò a divenire un attivista nella fondazione del partito comunista.

Ennio Flaino

Ennio Flaino (Pescara 1910 – Roma 1972) fu un professionista poliedrico: giornalista, scrittore (ricordiamo il suo romanzo ‘Tempo di uccidere’) e sceneggiatore cinematografico. Personaggio sempre ironico e sarcastico, abile nel riuscire a sdrammatizzare anche le situazioni più delicate. Lo ricordiamo soprattutto per la sua sceneggiatura in diversi film di grande levatura. Lavorò con Fellini.

John Fante

John Fante (1911- 1983) si è dedicato alla scrittura di romanzi e alla cinematografia. Americano di origine abruzzese ha saputo raccontare con lucida ironia le vicissitudini degli immigrati. Rammentiamo il suo romanzo semi autobiografico ‘Ask the Dust’.

Publio Ovidio Nasone

Publio Ovidio Nasone (43 a.C. – 18 d.C.). Nativo di Sulmona (AQ) è annoverato fra i più grandi poeti latini. Nelle sue poesie spiccavano la cristallina predisposizione alle dissertazioni psicologiche, la fine e gradevole esposizione narrativa e una indubbia influenza ellenistica.

Pittori e scultori abruzzesi famosi nel mondo

Michele Cascella

Michele Cascella, pittore paesagista crepuscolare, nativo di Ortona (CH), deve la sua celebrità alle sue numerose opere che sono custodite in diversi musei in tutto il mondo.
Proveniente da una famiglia di grandi artisti che hanno dato tanto alla terra d’Abruzzo, infatti Pescara ha voluto dedicare loro il Museo Civico Basilio Cascella.

Francesco Paolo Michetti

Michetti è stato un pittore famoso a livello internazionale. Nato a Tocco da Casauria (PE) nel 1851 e scomparso a Francavilla al Mare (CH) nel 1929. Ricordiamo l’importante sodalizio del ‘cenacolo michettiano’. Si dedicò con successo anche alla fotografia. Il suo stile pittorico fu condizionato dal Decadentismo.

Filosofi abruzzesi famosi nel mondo

Benedetto Croce

Benedetto Croce (Pescasseroli (AQ) 1866 – Napoli 1952) fu filosofo, critico letterario e politico, esperto di storia.
Fu considerato a pieno titolo un faro della cultura italiana a cavallo fra la prima e seconda guerra mondiale. Divenne Ministro della Pubblica Istruzione nel biennio 1920-21, e Ministro senza portafoglio nel biennio 1943-44. Fu difensore e portavoce dell’idea liberale.

Mazzarino

Mazzarino, Cardinale di Santa Romana Chiesa (Pescina (AQ) 1602 – Vincennes (Francia) 1662) fu abile a distinguersi come eccellente uomo politico. Ebbe il compito non facile di essere il successore di Richelieu nella delicata mansione di primo ministro del Re Luigi XIII. Fu uno straordinario diplomatico, dotato di grande carisma e spiccate abilità nei rapporti interpersonali. Il cardinale contribuì significativamente alla formazione del futuro Re Sole, Luigi XIV.

Alberto