Attività locali e link building: consigli per l’ottimizzazione

Attività locali e link building: consigli per l’ottimizzazione

Nell’era di internet, sempre più attività locali mirano ad espandere la propria visibilità e le proprie entrate sfruttando i quasi infiniti mezzi messi a disposizione dal web. Uno degli obiettivi principali di chi vuole farsi trovare online o, nel caso specifico, chi vuole promuovere la propria attività sulla rete, è sicuramente ottimizzare la propria posizione sui motori di ricerca, permettendo così alla propria attività imprenditoriale di acquisire nuovi contatti e, di conseguenza, nuovi potenziali clienti. Per fare ciò, la presenza della tua attività in rete dovrà necessariamente affidarsi ad un’ottima strategia di SEO locale, e, di conseguenza al Link building, ovvero una delle tattiche SEO più performanti, in grado di bilanciare visibilità online con quella territoriale.

Non è sempre semplice riuscire a sfruttare il link building in modo efficiente, che porti i risultati sperati magari in poco tempo. Essa richiede infatti un discreto dispendio di risorse, oltre ad una ben chiara strategia studiata ad arte per raggiungere dei buoni se non ottimi risultati. Fortunatamente ci vengono in aiuto i servizi di link building dedicati, come (Spider Link – agenzia di link building), il quale offre un servizio di link building professionale per aiutarti ad incrementare gli utenti del tuo sito, aumentando le conversioni e le visite.

Ma cos’è, di fatto, il link building?

Il link building non è altro che una parte del SEO marketing off-site, una serie di operazioni di ottimizzazione il cui scopo è quello di far crescere il tuo sito o la tua pagina web attraverso dei link che provengono da altri siti ritenuti affidabili ed autorevoli, influenzando così in positivo il posizionamento sui motori di ricerca (quali Google). E’ importante saper riconoscere quali link in entrata risultano più rilevanti ed “appetibili” per Google, così da poter sfruttare al meglio questa tecnica per promuovere la propria attività online.

Raccogliere però quanti più link possibili, e magari anche a casaccio, può però risultare addirittura controproducente. E’ per questo motivo fondamentale riuscire a scegliere con criterio i “compagni” con cui fare networking, ragionando, per quanto possibile, come farebbe lo stesso motore di ricerca, entrando nell’ottica di Google per poter così scegliere al meglio.

Come si inizia a fare link building? Aspetti da considerare e consigli pratici.

Prima di iniziare a mettere in pratica questa strategia, e quindi a costruire la tua rete di link in entrata, bisogna considerare tre aspetti che risultano fondamentali:

  • La vicinanza territoriale (non sottovalutare l’importanza della geolocalizzazione durante le ricerche.)
  • Pertinenza dei temi trattati (rimani il più possibile nel tuo settore merceologico.)
  • L’autorevolezza dei siti con cui hai scelto di fare networking.

Una volta considerati questi tre aspetti, ed individuato il sito o i siti che desideri avere come partner, inizia a creare collaborazioni con la comunità locale, prendi parte ad eventi, mostra interesse, collabora con aziende locali, se possibile approccia influencer del settore e partecipa attivamente a quante attività ti è possibile allo scopo di rilevare quanti più link possibili. Per ottenerlo, potresti considerare di offrire un campione del vostro prodotto in cambio di un link.

Da ultimo, ma non per importanza, non tralasciare neppure il guest blogging, ovvero il creare contenuti per siti altrui, a patto che essi siano comunque affini al tuo settore. Anche questa strategia può rivelarsi buona per portare al tuo sito qualche click in più, sicuramente apprezzato da Google.

Sara